fbpx

Il Digital signage è lo strumento essenziale per una comunicazione efficace: rappresenta il punto di contatto tra il brand e il cliente e permette di creare un’esperienza immersiva unendo i confini di mondo digitale e fisico.

Il Digital signage è l’evoluzione diretta della pubblicità statica.

Con lo sviluppo della tecnologia digitale è stato possibile creare contenuti dinamici, video o immagini, che favoriscono il contatto con il cliente.

Per poter sfruttare al meglio la comunicazione digitale è tuttavia necessario combinare correttamente strumenti e contenuti, per creare un messaggio d’effetto, in grado di catturare l’attenzione di un potenziale cliente (o di un cliente già acquisito).

Se la comunicazione digital signage della tua azienda non funziona, o ti sembra poco efficace, può essere che stai commettendo alcuni ERRORI, che rendono poco attrattiva la tua comunicazione.

Vediamo insieme quali sono gli ERRORI da evitare e come correggerli.

1. Scelta cromatica e utilizzo del contrasto. Spesso, una scelta cromatica sbagliata, penalizza la visibilità di un testo o un’immagine (per approfondire questo argomento leggi anche i colori perfetti per un digital signage efficace). Valuta la possibilità di utilizzare un contrasto di colori, come un accostamento di chiari e scuri, per migliorare l’attrattività del messaggio. Un colore uniforme attira meno l’attenzione di un accostamento di colori contrastanti. Il contrasto può essere creato anche attraverso la combinando di diverse dimensioni e utilizzando contenuti percettivamente opposti.

2. Il tuo messaggio è visibile? Un altro errore di digital signage può essere il posizionamento dello strumento comunicativo. Se la zona è nascosta o la postazione non attira l’attenzione dei clienti, la visibilità ne risentirà di conseguenza. Ricorda che il digital signage è il punto di incontro tra il brand e il cliente. Cerca di capire quali sono i punti fisici più interessanti e quali invece sono meno attrattivi.

3. Troppo contenuto penalizza il messaggio. La funzione del digital signage è quella di attrarre. Tutte le altre informazioni possono essere trasmesse al cliente in un secondo momento, attraverso un sito web, un responsabile o un punto informazioni. Un eccesso di testo, un messaggio troppo descrittivo o troppi contenuti, rendono la comunicazione dispersiva e inefficace.

4. Qual è la tua call to action? L’attenzione di un potenziale cliente è minima, per questo la comunicazione deve essere semplice e concisa.Il tuo messaggio è chiaro o manca una call to action definita? Cosa stai chiedendo a un potenziale cliente? Pensa a qual è il tuo obiettivo: vuoi che si colleghi a un sito web, acquisti un prodotto o sottoscriva l’abbonamento a un servizio? Pensa come chi guarda per la prima volta il tuo messaggio e cerca di capire se la call to action è comprensibile.

5. Le dimensioni contano. Sembra scontato, ma spesso la pubblicità passa inosservata perché il testo o le immagini sono sottodimensionate. Se la comunicazione non è visibile, la capacità attrattiva sarà minima. Valuta la distanza da cui il tuo messaggio deve esser visto. Se è poco visibile, utilizza delle immagini più grandi e una dimensione del font maggiore.

6. Un contenuto che non attrae. I video attraggono più delle immagini; le immagini più del testo. Se il tuo contenuto non cattura l’attenzione, prova a ricostruire un messaggio con immagini dinamiche o video. Come per i social network, anche nella comunicazione Digital signage, i video sono più efficaci e hanno una maggior capacità attrattiva. I video consentono inoltre di trasmettere più chiaramente il concetto del brand, rendendo comprensibili i valori aziendali al maggior numero di persone.  

7. Esigenze del pubblico diverse dal messaggio. Pensa a quali sono le necessità del tuo pubblico e costruisci un messaggio efficace. Prova a chiederti: di cos’hanno bisogno i tuoi clienti? Pensa a quali sono le loro necessità. Se hanno bisogno di informazioni, sfrutta il digital signage per comunicare in modo semplice e diretto. Se devono essere accompagnati nel processo d’acquisto, costruisci una comunicazione che metta in contatto il prodotto/servizio fisico e il “concept” brand.

8. Tono di voce sbagliato. Considera un tono di voce coerente con il tuo brand, cerca di accostare allo stile del prodotto/servizio una comunicazione che sia complementare. Se il messaggio è trasmesso durante un evento istituzionale o una fiera, la comunicazione sarà più formale, mentre all’interno di un centro commerciale, sarà possibile adottare uno stile più colloquiale e informale.

9. Scarsa qualità delle immagini. La comunicazione digital signage è spesso il primo contatto con il potenziale cliente: un biglietto da visita digitale. Utilizzare immagini di bassa qualità potrebbe trasmettere una percezione sbagliata del brand, oltre a penalizzare la visibilità del contenuto.

10. Digital signage dispersivo. Un utilizzo smodato del digital signage può sortire l’effetto opposto. Troppi punti di contatto rendono la comunicazione dispersiva. È meglio individuare due o tre zone dove concentrare la comunicazione: saranno riconosciute dal cliente come punti informativi o d’interesse.

Come avrai notato, un solo ERRORE può compromettere l’efficacia della comunicazione digital signage.

Un messaggio che funziona è il prodotto di una giusta combinazione tra contenuti e media comunicativi.

Per questo, abbiamo ideato una comunicazione di prossimità capace di combinare uno strumento innovativo, i Totem Led, e dei contenuti su misura, costruiti per ogni situazione, e progettati partendo dalle esigenze del cliente all’interno del Creative Lab.